Service and equity: A new direction for the Wikimedia movement towards 2030

Da un certo punto di vista è scoraggiante che mi fidi di più di Wikimedia che non delle istituzioni tradizionali.

Beyond developing content as we have done in the past, the resulting direction is composed of two components:

  • Knowledge as a service: To serve our users, we will become a platform that serves open knowledge to the world across interfaces and communities. We will build tools for allies and partners to organize and exchange free knowledge beyond Wikimedia. Our infrastructure will enable us and others to collect and use different forms of free, trusted knowledge.
  • Knowledge equity: As a social movement, we will focus our efforts on the knowledge and communities that have been left out by structures of power and privilege. We will welcome people from every background to build strong and diverse communities. We will break down the social, political, and technical barriers preventing people from accessing and contributing to free knowledge.
j j j

Come funziona Netflix

Ovvero quale architettura c’è dietro la possibilità di vedere film e serie (senza problemi di streaming) insieme a milioni di altri utenti nel mondo.

j j j

Tor Browser Critical Security Vulnerability

È notizia di oggi la falla scoperta su Tor, il protocollo basato su Onion Routing e creato per mantenere l’anonimato delle proprie connessioni.

Basata su un bug di mozilla nella gestione delle URL del tipo file://, tale falla rendeva inutili i meccanismi di mascheramento dell’indirizzo IP.

Nell’articolo linkato da The Hacker News e sulla pagina di We Are Segment (l’azienda italiana che ha identificato il problema) è spiegato bene cosa è stato scoperto, mentre a questa pagina del sito di Tor si può vedere che il bug è stato corretto e viene suggerito di fare immediatamente l’aggiornamento alla versione nuova di Tor Browser.

j j j

Racconti, un podcast inutile

by Matteo Scandolin

Abbiamo lanciato un podcast, sì. Un po’ perché siamo bravi a farne, un po’ perché abbiamo pensato che fosse bello far sentire le cose che pubblichiamo. Qui trovate le puntate uscite finora (due, al quattro di novembre) e che usciranno. Qui invece l’editoriale in cui ne parliamo.

Racconti è il nome di questo podcast, e come sempre nelle cose che facciamo, si spiega da sé: sono i racconti della settimana, letti dalla nostra Federica Bordin. Io interverrò molto poco, solo alla fine, per liberare Fede dall’incombenza di dire cose tecniche come le url dei nostri profili social.

Si ascolta sul sito di inutile, su Querty, su iTunes, su Spreaker. Speriamo vi piaccia: e se vi piace, fatecelo sapere.

j j j

Un impiegato di Twitter ha chiuso l’account di Trump

Era il suo ultimo giorno di lavoro, e l’ha disattivato. Non sospeso: disattivato. Dopo un iniziale momento di simpatia nei confronti di questo impiegato, se ti fermi un attimo a pensare alle potenziali conseguenze di un atto simile poi non dormi la notte. Visto il livello di accesso di cui godeva questo impiegato, cosa sarebbe successo se avesse pubblicato tweet diversi, tipo minacce o dichiarazioni di guerra? Visto lo stile di questo presidente, non sarebbe sembrato così strano.

Detto e ripetuto più volte: Twitter deve darsi una mossa e diventare un’azienda seria, con procedure serie.

j j j