Le piattaforme di crowdfunding sono responsabili dei ritardi dei progetti che ospitano?

Un bell’articolo uscito su Verge.

Crowdfunded gadgets are sometimes delayed for months or years, and in some cases, they never ship at all. To address this, crowdfunding sites have been making changes designed to keep backers informed, support campaigns so they don’t end up failing, and ensure accountability if they do. The changes can protect backers from giving money to a project that never materializes. But in some cases, they also reshape the very idea of crowdfunding, taking away all of the risk from a concept that was built around it. [link]


Matteo Scandolin

È nato a Venezia nel 1982, vive a Milano. Scriveva racconti, poi s'è accorto che si divertiva di più ad aiutare gli altri a scriverli. Ogni tanto aggiorna il suo sito, Grandi speranze. Assieme a un altro paio di amici ha fondato inutile nel 2005. Su Twitter è matteoscandolin.