Inside the UAE’s secret hacking team of U.S. mercenaries

Dietro il nome di Progetto Raven c’era (c’è?) un gruppo di informatici esperti di sicurezza e intelligence.

Fin qui nulla di strano, se non fosse che questi informatici erano praticamente dei mercenari provenienti da tutto il mondo e che lavoravano per una compagnia basata negli Emirati Arabi.

In questo reportage, la storia di come si raccoglievano informazioni sulle persone a livello mondiale avendo alle spalle risorse infinite e pochissimi scrupoli.

“Some days it was hard to swallow, like [when you target] a 16-year-old kid on Twitter, […] but it’s an intelligence mission, you are an intelligence operative. I never made it personal.” [Link]


Carmine Bussone

Carmine Bussone è passato dai modesti ma dignitosi tasti di un Vic 20 all'occuparsi, quasi quarant'anni dopo, di IT e sicurezza informatica per le aziende. Dopo aver pubblicato qualche racconto su inutile, decide di usare anche le sue conoscenze professionali per diffondere quello che hanno di interessante da dirsi tecnologia e cultura. Spera, sempre e per tutto ciò a cui si dedica, di fare un buon lavoro.