Son quei cretini che chiamano le forze di intervento rapido statunitensi (SWAT, come ci insegnano i film) e dicono loro d’intervenire a vuoto, millantando chissà che emergenza pericolosissima e invece mandandoli a sfondare le porte degli appartamenti di gente che non c’entra nulla. Solitamente sono utenti di qualche videogioco di massa online, à la Call of Duty per intenderci.

Tyler Barriss è uno di questi SWATter. Ha causato più di cento interventi inutili della SWAT. L’anno scorso li ha fatti intervenire presso un indirizzo dove pensava ci sarebbe stato un altro giocatore di Call of Duty, e a causa di quest’intervento è morto un uomo di nome Andrew Finch. Barriss rischia venti anni di carcere e, non contento, va su Twitter a minacciare altri interventi della SWAT per cose inutili.

U.S. District Judge Eric Melgren said he would give Barriss a 20-year sentence if he apologized to the Finch family. This may be a difficult proposition considering Barriss accessed the internet in April from jail, writing “I am an eGod” and threatening to SWAT again. [link]