Com’era lavorare a Google+

by Matteo Scandolin

Morgan Knutson si sfoga con una tweet-storm devastante. Impossibile selezionare un unico tweet da riportare qui, va letto tutto. In estrema sintesi: Google sapeva quanto il suo social network facesse schifo, e ha cercato in tutte le maniere di integrarlo su tutta la sua piattaforma nella speranza diventasse di un certo rilievo. Definirlo un ambiente disfunzionale è un eufemismo.

Degni di nota anche i commenti su figure di spicco di Google, tipo Vic Gundotra: He was relatively charismatic. I remember him frequently flirting with the women on the team. Gave me a compounded horrible impression of him.

Lo stesso Morgan poi sempre su Twitter linka questo articolo di Business Insider del 2015, dove una ex dipendente di Google (che lavorava proprio a Google+) parla dell’atteggiamento a dir poco scorretto di Gundotra e di altri manager di Google.


Matteo Scandolin

È nato a Venezia nel 1982, vive a Milano. Scriveva racconti, poi s'è accorto che si divertiva di più ad aiutare gli altri a scriverli. Ogni tanto aggiorna il suo sito, Grandi speranze. Assieme a un altro paio di amici ha fondato inutile nel 2005. Su Twitter è matteoscandolin.