La storia di un oggetto che da un po’ è stato sostituito dagli smartphone ma che ha (senza paura di dirlo utilizzando un cliché) davvero rivoluzionato il modo di ascoltare la musica.