Non vogliamo neanche sapere se è davvero biografico, questo racconto di Giulia Cabrelle: è bello così.